0002 | Trieste: la città cosmopolita d’Italia

“Trieste ha una scontrosa grazia. Se piace, è come un ragazzaccio aspro e vorace,con gli occhi azzurri e mani troppo grandi per regalare un fiore.” Così scriveva Umberto Saba della città dove nacque e visse. Non aspettatevi, quindi, un’accoglienza da cartolina che altre città riservano ai turisti venuti a portare soldi. Trieste è lì e si svela solo a chi ha voglia di scoprirla. Cittadina pensosa e schiva ma non noiosa che ha tanto da offrire.

 

Una meravigliosa ed elegante città di confine, mix di culture, sapori e stili. Arroccata tra l’omonimo golfo e le alture del Carso tra Italia e Slovenia per la sua posizione strategica Trieste è da sempre uno dei sistemi portuali più attivi dell’Adriatico e luogo di incontro tra culture e storie che dall’est all’ovest trovano in questa città un crocevia dove fermarsi.

Il vento freddo della Bora che soffia, un caffè in uno dei caffè storici frequentati da Joyce, una passeggiata a Piazza d’Italia una delle piazze più affascinanti della penisola, una visita al Museo Civico Revoltella, un giro per il Borgo Teresiano uno dei quartieri più caratteristici. 

Cosa vedere a Trieste 

  • Piazza dell’Unità d’Italia
  • Museo Civico Revoltella
  • Borgo Teresiano
  • Colle San Giusto
  • Molo Audace
  • Risiera San Sabba
  • Castello di Miramare

La città, proprio per la sua conformazione geo-fisica e per il suo trascorso storico, offre l’occasione di visitare innumerevoli siti d’interesse naturale e paesaggistico oltre che monumentale e archeologico. Tra le principali cose da vedere ecco cosa vi consigliamo: 

Piazza dell’Unità d’Italia

Una delle piazze più affascinanti d’Italia, talmente maestosa che sembra voglia avvolgerti, lasciandoti senza parole. Su tre lati risplendono degli eleganti e candidi palazzi (tra i quali troviamo il Municipio di Trieste, il Palazzo della Giunta Regionale del Friuli Venezia Giulia e la Prefettura) e nel quarto c’è lui, il mare. Qui si trova anche uno dei caffè più importanti della città il Caffè degli Specchi. Nella piazza c’è la Fontana dei Quattro Continenti costruita tra il 1751 e il 1754. Le figure sono un’allegoria dei quattro continenti allora conosciuti (Europa, Asia, Africa e America).Inoltre, davanti alla piazza è presente il Molo Audace simbolo storico che ricorda la storia di Trieste e di quando quest’ultima era uno dei porti più fiorenti d’Europa.

Museo Civico Revoltella

Galleria d’arte moderna fondata nel 1872 per volontà del barone Pasquale Revoltella, una delle figure più rappresentative della società triestina dell’Ottocento, che lasciò alla città, oltre a molti altri beni, la sua casa e tutte le opere d’arte, gli arredi e i libri che conteneva. La Galleria ospita opere dell’Ottocento e Novecento, tra gli autori delle opere potete trovare Giovanni Fattori; Carlo Carrà; Giorgio De Chirico; Francesco Hayez e molti altri. Oltre alla Galleria vale la pena visitare anche le sale del Palazzo completamente arredate e tuttora conservate benissimo che si trovano al piano terra, primo e secondo piano. Degna di nota è la biblioteca, con libri e ricordi di viaggio del barone. Stanze molto eleganti e suggestive.

Borgo Teresiano

Il nome dell’ elegante quartiere deriva dal fatto che il borgo fu voluto dalla figlia dell’Imperatore d’Austria Carlo VI, Maria Teresa. Lungo il canale potrete ammirare bellissime architetture a cominciare dal palazzo Aedes, proseguendo poi con palazzo Gopcevich, la chiesa neoclassica di Sant’Antonio Nuovo, l’elegante caffè Stella Polare, il tempio della Santissima Trinità e di San Spiridione, palazzo Genel e palazzo Carciotti. Nel cuore del Borgo si trova il Canal Grande, un antico canale realizzato affinché le imbarcazioni potessero giungere direttamente nel centro della città per lo scarico delle merci. 

Colle di San Giusto

Colle che sorge sul punto più alto della città, davvero pittoresco. In questo luogo nacque il primo centro abitato della città. Degni di visita sono il Castello di San Giusto e la Cattedrale di San Giusto. Dai camminamenti di ronda del castello potrete ammirare la stupenda vista del Golfo di Trieste mentre la visita alla Cattedrale vi sorprenderà, l’esterno  molto semplice al contrario dell’interno scintillante caratterizzato da pavimentazioni musive e mosaici bizantini. 

Molo Audace

Molo lungo 246 metri che vale assolutamente percorrere a piedi. Una lunga passerella che nasce dove un tempo attraccavano le navi. È qui che ogni anno si tiene la Barcolana, la regata storica di Trieste. Dal molo si scorge una stupenda vista della città e della Piazza Unità d’Italia. 

Risiera di San Sabba

Poco distante dal centro storico sorge questo Monumento della Memoria. Nato come risiera nel 1913 per la pilatura del riso, nella Seconda Guerra Mondiale divenne un lager nazista, utilizzato per il transito, la detenzione e l’eliminazione di ebrei e prigionieri politici. Un luogo davvero toccante che vale la pena visitare soprattutto per non dimenticare le atrocità commesse nel passato. Per informazioni e visite: www.risierasansabba.it

Castello di Miramare

Castello affascinante che si trova a 8 km dalla città a picco sul Golfo. Fu la residenza dell’arciduca Ferdinando Massimiliano d’Asburgo e di sua moglie Carlotta del Belgio. Gli ambienti sono visitabili seguendo un percorso prestabilito che dal piano terra raggiunge il primo piano del castello di Miramare: potrete vedere ammirare i sontuosi arredi originali delle sale di rappresentanza, degli appartamenti privati, ricchi di opere d’arte, mobili e oggetti preziosi. Alla visita del castello si aggiungono le scuderie, il parco e il castelletto. Per ulterori informazioni su visite e costi visitate il sito https://www.miramare.beniculturali.it/il-castello/ 

Trieste con i bambini

Trieste Adventure Park

Triste è una città visitabile anche con i bambini, vi sono infatti diverse attrazioni che possono essere interessanti ed educative per i bambini. 

A ciò si aggiungono luoghi proprio dedicati a loro. All’interno dello splendido giardino del Parco di San Giovanni dovrete assolutamente far visita al parco dei bambini Minu Mu, dove troverete laboratori, mostre e teatri pensati per i più piccini. 

Molto interessante  il Museo di Storia Naturale, uno dei più antichi d’Italia e per finire se avete voglia di vivere un’avventura raggiungete il Trieste Adventure Park. Il parco avventura propone percorsi e contesti a seconda dell’età e dei gusti. Lanci da liane o giochi a contatto con la natura. Basta scegliere!

Mangiare a Trieste

Fusi istriani

La cucina di Trieste è un connubio perfetto tra i sapori mediterranei e quelli mitteleuropei: i piatti di pesce presentano le caratteristiche della gastronomia della costa Adriatica (in particolar modo di Istria e Dalmazia) mentre quelli di carne ricordano i gusti dei Paesi in cui scorre il Danubio. 

Uno degli antipasti più caratteristici in città è il prosciutto cotto caldo triestino tagliato rigorosamente a mano. Tra i primi piatti troviamo la jota una delle più famose tipicità di Trieste: essa è una minestra a base di fagioli, crauti, patate e cotenna di maiale.

Gli gnocchi di pane e quelli di patate  conditi con il gulasch, uno spezzatino di manzo insaporito con paprika, cipolla, pomodoro e altre erbe aromatiche. Il formato di pasta tipico, invece, sono i fusi istriani (che ricordano vagamente i garganelli), che possono essere serviti con sugo di pesce o di carne.

Il bollito di maiale viene cucinato nella caldaia, ovvero un pentolone incastonato all’interno del bancone. Esso viene servito con senape, crauti o patate in tecia oppure all’interno dei panini. Le patate in tecia sono patate tagliate in modo più o meno grossolano e immerse in un soffritto di cipolla e pancetta o guanciale. Dopo la cottura vengono adeguatamente salate e pepate, non vengono schiacciate, perché devono mantenere una certa consistenza. Sono generalmente servite con gulasch o altre carni. Altro contorno tipico i capuzi (crauti).

Passando alla cucina di mare, alcuni dei piatti caratteristici di Trieste sono i gamberi alla busara e il baccalà mantecato.

Per quanto concerne i dolci, le tipicità sono lo strudel di mele, il Tiramisù e la Torta Rigojanci (di origine ungherese, completamente a base di cioccolato) e le Fave di Trieste, dolci a base di mandorle,uova e maraschino. 

Per concludere se vi trovate nella città non deve assolutamente dimenticare di assaggiare: 

  • Jota
  • Fusi Istriani
  • Gulasch
  • Fave di Trieste

I Caffè di Trieste

Trieste è anche la città del caffè. Porto franco per l’importazione del caffè sin dal Settecento, il porto di Trieste è tuttora il più importante del Mediterraneo per il suo traffico. Ma caffè a Trieste fa rima anche con letteratura: numerosi e bellissimi sono i caffè letterari, locali storici dal fascino retrò frequentati un tempo da grandi autori come James Joyce, Italo Svevo, Umberto Saba e ancora oggi molto amati dagli scrittori e dagli intellettuali.

Eventi

Barcolana

Trieste è una città bellissima e inesauribile, offre ai suoi visitatori non solo occasioni di visita ma anche di eventi ricorrenti che attraggono i turisti. Tra i più famosi troviamo la Barcolana, il più grande spettacolo della vela che ha luogo solitamente tra gli ultimi giorni di settembre e l’inizio di ottobre. Ecco quali sono gli eventi più tipici della città.

 

 

Print Friendly, PDF & Email