An error has occurred

Le tre ciaspolate più belle da fare quest'inverno - Milleweekend: Il bello dell'Italia in 1000 Tappe

Le tre ciaspolate più belle da fare quest’inverno

Per chi viene trascinato in settimana bianca, ma non sa sciare o per quelli che amano camminare tra natura e silenzio le più suggestive valli e altopiani da scoprire ciaspole ai piedi partono dalla Valle D’Aosta e arrivano fino al centro Italia. Il panorama mozzafiato è incluso nel prezzo, tra i percorsi non mancano quelli adatti anche agli escursionisti della domenica, il divertimento sulla neve è garantito soprattutto in gruppo e accompagnati da una guida che conosca il territorio.

  1. La Val di Rhemes in Valle D’Aosta

    Se andate a “racchettare” in Val di Rhemes uno dei percorsi più semplici è quello che raggiunge gli specchi d’acqua del Pellaus passando per i pittoreschi villaggi di Oreiller e Bruil con le casette in legno e le tendine a scacchi alle finestre. C’è un bosco di larici e abeti rossi e un’atmosfera ovattata da favola di Natale con tanto di latteria e mulino.

  2. I piani di Ragnolo nelle Marche

    Non volete rinunciare alla ciaspolata vista mare? Basta spostarsi sui Sibillini nel percorso che attraversa i Piani di Ragnolo. Spettacolari durante la fioritura primaverile, nei mesi invernali i colori lasciano spazio a strati di soffice coltre e un surreale silenzio. Un altopiano che è anche un balcone naturale poco conosciuto e frequentato dal turismo di massa.

    ciaspolate più belle

  1. L’altopiano di Asiago in Veneto

    Tornando al nord, senza andare troppo sù si ciaspola sull’Altopiano di Asiago tra vette bellissime che raccontano storie di guerra in un passato non lontano. Le camminate tra trincee e percorsi militari della prima guerra mondiale toccano vette e valli diverse in questa zona come il percorso dei “tre monti” famoso per la battaglia del 28 gennaio 1918. Se invece preferite la natura un percorso più spensierato e davvero spettacolare è quello in zona Cima Larici tra malghe e una vista che spazia fino alle Alpi Svizzere.

Print Friendly, PDF & Email

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>