An error has occurred

Castagnaccio e dove trovarlo - Milleweekend: Il bello dell'Italia in 1000 Tappe

Castagnaccio e dove trovarlo

C’è il profumo di ricordi, della cucina della nonna e del suo forno acceso, il profumo di un bosco bagnato da una pioggerella sottile. E il profumo della cioccolata, che quello in cucina non deve mancare mai. Quando il castagnaccio esce dal forno ventilato a 180° c’è profumo d’inverno e voglia di camino. Una ricetta semplice e di stagione. Perfetta accompagnata dal vin Santo o di visciola, ma anche da una serata tra amici quando fuori fanno zero gradi.

Il castagnaccio, che come dice la parola si fa con la farina di castagne e altri ingredienti rustici come la frutta secca, non ha un’origine precisa se non l’accertata provenienza dal mondo contadino e montanaro. Pare che ad inventarlo sia stato però un lucchese e la ricetta è contesa per lo più tra Toscana e Piemonte. A Torino non è difficile trovarlo nelle pizzerie che fanno la pizza al tegamino e la farinata di ceci. Ci sono poi le feste di paese nel periodo autunnale come quella di Sesta Godano in Liguria, a Forte Maso nel Vicentino o a Rubbiano di Montefiorino in Emilia. Altrimenti è un piacere farlo in casa, magari seguendo questa ricetta se non ne avete una tramandata dalla nonna.

castagnaccio ricetta classica

Pendete 250 gr di farina di castagne e mescolatela con 500 ml di acqua fredda aggiunta poco alla volta e aiutandovi con una frusta per togliere eventuali grumi. Dovete ottenere una pastella liscia e senza grumi. Continuando a mescolare unite 2 cucchiai di olio evo, uva sultanina, scaglie o gocce di cioccolato e frutta secca spezzettata a piacimento. A dir la verità, io abbondo con noci, mandorle e pinoli e lascio da parte l’uva sultanina. C’è chi aggiunge semi di finocchio, chi rosmarino o scorzette d’arancio: a voi la scelta, ma le noci, quelle proprio non devono mancare! Trasferite tutto in una teglia bassa che avrete unto e informate a 180° per circa un’ora, fino a quando la superficie non apparirà croccante e screpolata. Servite il castagnaccio cospargendo la superficie con una manciata di noci e pinoli o, se preferite aggiungete dei rametti di rosmarino per decorare: esaltano il profumo della farina di castagna.

Print Friendly, PDF & Email

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>